Machine Gun Preacher (in attesa di distribuzione – Usa 2011 – Marc Forster)

di Fabio Migneco

 (immagine da http://static.screenweek.it/2011/10/6/machine-gun-preacher-teaser-poster-orizzontale-usa.jpg)

E’ la storia, vera e sorprendente, di Sam Childers, biker e spacciatore, che esce di galera e con l’aiuto della moglie ex lap-dancer trova Dio e una quasi incrollabile fede rocciosa che, nel giro di qualche anno, lo porta prima a fondare una sua impresa edile e di ristrutturazioni e poi un suo ministero del quale diventa predicatore. Fino al suo mettersi al servizio delle popolazioni del Sudan martoriate da una di quelle guerre che non interessano al suo paese e quindi al mondo, perché a intervenire non ne trarrebbe nessun tornaconto.

In parte frammentario e poco coeso (ma i ricordi di una persona non sono quasi sempre così?) ha dalla sua una certa potenza, visiva e tematica, ed è sorretto dalla vigorosa e maiuscola performance di Gerard Butler, anche produttore e portabandiera del progetto, nei panni di Childers, figura assolutamente carismatica, affascinante nella sua ambigua umanità. Ben vengano film e progetti come questo, capaci di porre l’attenzione su tematiche che tutti conoscono ben poco e per sentito dire e per le quali nessuno fa niente.
La figura controversa di Childers (che ha anche scritto un libro di memorie e ha un sito di riferimento, www.machinegunpreacher.org, attraverso il quale si possono anche effettuare donazioni a favore degli orfani da lui sottratti alle torture e alla morte certa) non poteva non essere materia per un biopic incandescente e ricco come questo.

Ben girato e montato, senza tempi morti o inutili lungaggini, appassionante e ricco di significato, con un Butler al suo meglio e una sempre bravissima e deliziosa Michelle Monaghan, il film è stato una delle sorprese del Festival di Toronto e meriterebbe senza dubbio una distribuzione e una diffusione ben più massicce delle uscite limitate che sta avendo negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e negli altri paesi.

Uno dei migliori film visti quest’anno, di quelli che rimangono nella memoria anche molto tempo dopo che si sono riaccese le luci in sala, dopo i bei titoli di coda, che mostrano il vero Childers e la sua famiglia (che lo ha sempre supportato e aiutato, anche sul campo, nonostante tutto).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked (required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

LIBERTÀ DEL TRATTO
SUGGESTIONS
Servizi
  • Servizi

    Lo staff di Culturalismi.com mette a disposizione di quanti vogliano avvicinarsi al mondo

SPONSOR
bel-ami-edizioni_mini